E tu…

image

Per chi sta bene davvero e per chi sta “bene”.
Per chi ascolta la risposta e per chi la “sente”.
Anche per chi fa finta di non ” sentire ” perché è più comodo, come più comodo è… non chiedere.

Annunci

18 pensieri su “E tu…

  1. chissà se questa volta riesco a scriverti, visto che il PC è moribondo e che, ogni volta che commento le tue parole non me le fa partire! Ed essendo io grafomane…..scrivo sempre!
    sai che pensiero mi è venuto, rispetto a ciò che hai scritto?
    certo che è meglio chi non chiede, rispetto a chi chiede per convenzione….ma si sono vista in quella che – per orgoglio stupido e fasullo, per timidezza, a volte, per una certa forma di subdola, inconscia presunzione – tante volte non ha chiesto, aspettando risposte a domande che neppure venivano poste: ma come io a volte non capisco, anche gli altri non capivano le mie domande silenziose, i miei segnali….
    spero che queste parole pasticciate partano e ti arrivino: perchè io ti leggo sempre, perchè ciò che scrivi non solo mi piace e mi fa riflettere, pensare, ricordare, ma perchè mi piaci proprio tu, dialogo a distanza – interrotto da sto PC….- con una persona bella.
    un abbraccio serale, dopo un pomeriggio di primavera, 19°, cielo blu e sole.
    Emanuela

    • Penso tu abbia colto nel segno, hai detto cose molto vere e mi hai fatto riflettere anche parecchio. Non ho dimenticato di scriverti in privato, ho avuto qualche imprevisto, ma non mancherò!Appena mi è possibile :)
      Un abbraccio, cara :)

  2. io chiedo ma non a tutti,
    e rispondo ma non a tutti!
    non mi piacciono le lagne, cerco di essere positiva ma
    qualcuno se le subisce ed io lo/la amo per questo! e poi c’è chi non chiede perché
    perché sente e non ha bisogno di chiedere sa e si comporta in base a quello che sa
    e difficilmente sbaglia!

    • Io chiedo spesso, ma non sempre mi viene risposto, ovviamente alle persone a me vicine. Non rispondo spesso, soprattutto a chi sento che di come sto non importa un granché.
      Non trovo lagnoso chi si sfoga o mi espone i suoi problemi, cerco, a mio modo, di ascoltare e se richiesto consigliare… Poi chi è positivo resta tale, chi è negativo non cambia neppure. A volte però si può dare un po’ di sollievo ascoltando chi ha un guaio. Chi “sente” di solito non chiede ma agisce, che è la cosa principale, e in tutto questo avverto un mare di egoismo, cecità e menefreghismo. Nessuno escluso, io in primis, a volte in modo consapevole e cosciente, altre in modo inconsapevole e incosciente. Un abbraccio :)

  3. Se non hai a che fare con un vero Amico (di quelli con la A maiuscola), devi sempre dire BENISSIMO. In caso contrario, ti dirà: “Mi dispiace” e sotto sotto godrà tutto.
    Per quelli che chiedono con disinteresse… non rispondo.
    Buona notte.
    Quarc

    • L’idea è ottima, almeno nel virtuale. Quando le persone le ho di fronte purtroppo non mi riesce, ho occhi trasparenti alle emozioni, positive o negative che siano. Difetto enorme di questi tempi. Ci sono persone che non sono vere neppure dentro gli occhi… credevo che gli occhi fossero lo specchio dell’anima, mi son dovuta ricredere. Sto crescendo, sto diventando un’adulta senza chiedermi il permesso. O forse sono solo disillusa.

      • Hai dormito bene?
        Comunque consolati, per esperienza, chiamiamola professionale, posso dirti che l’occhio è veramente lo specchio dell’anima… quella che ci portiamo dietro.
        Purtroppo molte persone viaggiano con una maschera talmente spessa, per cui riescono a coprire anche l’occhio.
        Continua a credere… vedrai che ne varrà la pena. Altrimenti, senza accorgertene, ti ritroverai anche tu con la maschera.
        Buon pomeriggio.
        Quarc

      • Grazie per queste parole “continua a credere”, oggi ne avevo bisogno, grazie davvero!
        Ho dormito male e mi sono svegliata stropicciata, il giorno mi ha un pochino stirata, ma i pensieri sono mille e soluzioni poche. Sarà anche questo Natale che sento lontano dal ” mio Natale “, non lo sento proprio per il primo anno in vita mia, è come se me lo avessero svuotato di Luce e di quella magia ingenua che tanto amavo.

      • Non devi pensare troppo.
        Puoi guardarti serenamente intorno, sorridere alle tante lucine che incrociano i tuoi occhi e… per qualche minuto non pensare… non pensare. Ti verrà da sorridere e riprenderanno il sopravvento i pensieri belli.
        Credici… il Natale può farci sorridere.
        Buon sabato.
        Quarc

  4. “Sto bene” rispondo anch’io alla persona che distrattamente chiede.
    Gli amici veri non chiedono nulla, raddrizzano croci che pendono storte sul muro.
    Un abbraccio forte

    • Giusta affermazione, potente: “gli amici veri raddrizzano croci che pendono storte sul muro”…
      Facevo bilanci, capita a fine anno, a fine percorso, a fine binario……. E non aggiungo altro. Ti abbraccio così, certa che mi hai compresa.

  5. Lo chiedo poco, specie quando conosco e “vedo” già la risposta. Cerco di agire, nel mio piccolissimo.
    Preferisco non mi venga chiesto quando non sto bene, ma è anche vero che certe volte qualche “come stai?” mi manca da morire.
    Ti abbraccio <3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...