Rieccomi… di notte

notte

Ed è quando ritorna il mattino che ti accorgi che l’oscurità è andata via; dei tuoi pensieri che fanno male non si è portata via nulla, ma ti ha dato nuove consapevolezze. Per quanto strano possa sembrare ti ha resa più stabile sulle gambe. Ti ha resa consapevole che riesci a stare in piedi, “fra una botta che prendi e una che dai“, con la tua valigia piena di cose, comprese quelle “quattro farfalle dure a morire“, che non vuoi far morire, costi quel che costi. Perchè tutto quel casino che ti porti dietro e dentro, sei tu… e solo tu conosci il peso del tuo viaggio e sempre e solo tu sei quella che tutte le volte, “a muso duro“, ha ricominciato ad edificare… non importa cosa. Quello che importa per me è stato costruire e non demolire e soprattutto non mi sono mai ridotta al punto di dovermi rottamare. Dopo ogni momento di sconforto ho sempre “trovato la forza” di andare avanti con gli occhi rivolti verso l’orizzonte… ho sempre “trovato la forza” e anche lo stomaco di ingoiare certi rospi, di capire le situazioni e di comprenderne le loro evoluzioni. Ho compreso che va bene tutto, ogni discorso può essere capito e anche assecondato, ma nella stessa misura ho compreso cosa desidero io e cosa merito.
Ci sono mattine che ti svegli e capisci che anche tu meriti qualcosa di bello nella tua realtà e che la tua meta è raggiungerlo, accompagnata dai tuoi sogni e dalla tua fantasia, certamente, ma con obiettivi sempre più radicati nella realtà. Ti svegli con la voglia di lasciare le tue impronte sull’asfalto, quello fresco che hanno steso stamattina a pochi metri dal portone di casa tua, ti svegli con la voglia anche di ridere di te e soprattutto ti svegli fiera e orgogliosa di quella piccola donna che sei, quella con un pessimo carattere, ma con la faccia pulita… nonostante l’uso e l’abuso di cosmetici. Inizi a mettere tutto sulla bilancia del cuore e per una volta pende dalla tua parte, non importa neppure spiegare perchè o come sia miracolosamente accaduto, importa sentirti in pace con te stessa e lasciare agli altri la convinzione di essere supereroi, giusti e corretti con te e col mondo. Alla fine quello che contano non sono nè le convinzioni e neppure le parole, ma i fatti. Quello che rimane sospeso a metà fra “il nulla e il qualcosa” ha il peso specifico che vuoi dargli tu ed è quasi sempre variabile, sicuramente ha il suo valore, la sua importanza, ma va creduto quando invece i fatti, da che mondo è mondo, dimostrano e io credo a tutto sino a che non mi si dimostra il contrario, la linea è sottile fra le due cose e in quanto tale frangibile, come le bolle di sapone che da meravigliose e magiche in un attimo svaniscono…questa è la controindicazione delle cose sospese, ma anche il loro fascino… e allora mi dico: “Lascia che sia, Laura… lascia che le cose vadano come devono andare“, intanto, sul palcoscenico, la vita si muove come piace a lei ed ha un suggeritore rincoglionito che si chiama Cuore… la Ragione spesso è solo un’ottima scenografa, ce la mette tutta a farti vedere il paesaggio reale, persino il Tecnico delle Luci è suo complice, ma tu dai retta al suggeritore…e la vita segue quello che tu scegli, che può farci se sei scema?
Ringrazio la persona più vicino a me che per tanti anni ha cercato di distruggermi la precaria stima di me stessa, comportamento sciocco e ignorante per nascondere l’evidente e morbosa gelosia; per un certo periodo di tempo, era pure riuscito nel suo intento, lo ringrazio perchè arrivano giorni di luce in cui i ruoli s’invertono da soli, perchè ogni cattiveria e malignità torna al mittente e non certo perchè io gli abbia reso la premura.
Mi spiace che da qualche post a questa parte sto usando il blog come un diario e che ai miei lettori molto probabilmente non importerà nulla di questo mio blaterare notturno, ma a volte si scrive anche per dirsi qualcosa, per se stessi. Non sto passando quasi da nessuno di voi e me ne scuso; anche se, senza troppo girarci attorno, non passo perchè non ho voglia di leggere blog e so che anche questo è un momento, non mi aspetto le vostre visite, mi aspetto i soliti like dalle solite persone che non si sono neppure accorte che ho tolto l’iscrizione dai loro blog, perchè di certi like non so che farmene. Non m’importano le persone che senza leggermi mi mostrano una presenza che in realtà è assenza. Anzi, devo cercare l’opzione per escludere i like dai post, anche se poi dal reader si possono mettere e arrivano in posta lo stesso e ad ogni like che arriverà sarà dal reader un blog in meno da seguire. Sono una blogger atipica e antipatica e ne sono contenta. So che c’è chi a me tiene per quello che sono perchè è andato oltre alle apparenze…e approfitto di questo post per dire grazie ad un’amica che non scrive più sul suo blog: “solo Claudia”. Io e lei sappiamo i motivi e, per come la conosco, so che non avrebbe piacere che scrivessi qui le ragioni di questo ringraziamento pubblico, anche se io non avrei alcun problema a farlo. Grazie Claudia. Grazie anche alla discrezione di Roberta per il commento al post di ieri, perchè so che in altre circostanze avrebbe scritto cosa le passava per la testolina e invece questa volta ha preferito rimandare a un dialogo futuro, a due, come è giusto che sia fra amiche… grazie anche a te che forse hai capito quest’amica fuori dagli schemi. Per stasera chiudo il diario e vado a nanna e anche se questo non è un bel post non m’importa, so che è scritto col cuore e questo basta a me. Gli applausi e le lodi li lascio a chi le cerca e le aspetta, a me non sono mai importate, mi ha, solo e sempre, dato fastidio l’ipocrisia. Preferisco un blog senza like e commenti che un blog pieno di aria fritta, di commenti di chi di te non sa nulla. Pochi blogger se leggono di un tuo brutto momento si prendono la briga di scriverti una riga in privato, a me bastano loro…uno? due? tre? va bene lo stesso…non sono fatta per tutti e non lo vorrei neppure. Buona fortuna ai blog paraculi, che vendono bene sentimenti fasulli e frasi scopiazzate, già scritte dai grandi autori, rivisitate pure male e si pubblicizzano anche nei cessi degli autogrill, quelli con centinaia di commenti al seguito e con tante risposte degli autori piene di lusinghe finte come i soldi del monopoli. I blog preziosi che ho incontrato on line, son scritti da blogger umili e semplici e sono quasi sempre oasi sconosciute o disabitate, perchè certe bellezze non danno nell’occhio, le vedono in pochi e non si trovano mai in vetrina.

Una buona notte, fatta di sogni sereni o un buon giorno (a seconda di quando troverete questo post) a chi, coraggiosamente, mi segue ancora. 

Laura

« Quali che siano gli errori che avete potuto commettere, nulla – se lo desiderate veramente – può impedirvi di ritrovare la via della salvezza. Ditevi inoltre che le entità celesti hanno più fiducia negli esseri che hanno commesso errori, che ne hanno preso coscienza e si impegnano a correggerli, che in quelli che non hanno mai incespicato. Perché? Perché chi non è mai caduto, non pensa che vi siano delle precauzioni da prendere: non ha esperienza, dunque non è ancora saldo, può andare a smarrirsi ovunque e perdersi; di lui non ci si può fidare. Chi invece è passato per le “grinfie del diavolo”, chi ha sofferto e prende la risoluzione di venirne fuori, il giorno in cui ci riesce, qualunque cosa accada, resta irremovibile.
Di quel che vi sto dicendo dovete solo ricordare che, quali che siano le vostre cadute, vi è sempre possibile risollevarvi. Non traetene la conclusione che potete permettervi tutte le sregolatezze per poi poter ritrovare meglio la retta via! In ogni caso, ciascuno ha commesso abbastanza errori fino ad ora: è tempo di rinsavire. »

[Omraam Mikhaël Aïvanhov]

Annunci

12 pensieri su “Rieccomi… di notte

  1. Ieri notte le stelle erano in combutta con noi due !
    Pure io ero incaxxata come una tigre ferita ed avevo scritto un post al vetriolo dedicato appunto a tutte le “personcine ” che fanno gli splendidi e tutti gli abbocconi che prendono la loro risposta come fosse il Verbo.
    Il blog deve essere il tuo posto di sfogo sia personale che altro,forse che qualcuno si permette di dire, questo non è argomento per blog ?
    Mi sono già alienata un sacco di blogger e credo che appena pubblico questo post di cui ti ho scritto ,attorno a me si farà il vuoto che in un certo qual senso è proprio quello che cerco per abbandonare questo falso mondo virtuale una volta per sempre.
    Un bacio laura ♥
    liù

  2. Oh, il like (che uso quasi mai) stavolta lo metto, eccome! Lo metto per la prima bella, bellissima parte del post, ringraziamenti compresi a Claudia e Roby. La seconda parte, quella dei liked, dai, lasciamola perdere.
    Svegliarsi ed allontanare il buio con consapevolezza perchè meritiamo la luce. Via lo sconforto, avanti con coraggio, con forza e determinazione. Non si vive di soli sogni, ma si vive anche coi sogni (grande la Mannoia!)

    “ti svegli con la voglia anche di ridere di te e soprattutto ti svegli fiera e orgogliosa di quella piccola donna che sei.. importa sentirti in pace con te stessa e lasciare agli altri la convinzione di essere supereroi, giusti e corretti con te e col mondo.”

    Felice giornata, Laura.
    <3

  3. mi piace, e non perché mi hai ringraziato pubblicamente, non lo meito!
    mi piace perché in fondo, molto in fondo certo!, sei pronta a rinascere
    a credere in te
    a sorridere e
    credimi è importante
    poi mi piace il tuo essere giustamente incazzata, sì mi piace!
    ti abbraccio

  4. Arrivata fino in fondo. Non conosco la tua storia, ma sento le tue emozioni. Un abbraccio e un grazie, perchè in fondo, io sono qui anche per crescere un po’ attraverso le vite degli altri. E tu mi dai sempre tantissimo. <3 (E lascio un like e pure un cuoricino, prrrr )

    • Non era quello il senso del mio ringraziarti, ma pazienza…non sempre si è capiti…voleva essere una carezza e non un “hai fatto bene a non rompere le balle”…e in quanto ad imparare a stare soli, è un insegnamento che fa sempre bene e che tocca a tutti, nessuno escluso.
      Come io che ho capito che questo blog è bene che venga congelato per quel che è stato e per come l’ho vissuto… prima che degeneri in sciocchezze che non parlano di me e non mi appartengono.

      • Credo anche io. Dal telefono non riesco ad arrivare all’inizio del tuo Blog ma da quello che leggo ci somigliano molto. Faccio mie tante cose lette da te e non mi era mai accaduto. Non leggo post lunghi ma nei tuoi spesso non conto le parole che sono già alla fine. Sei una brava persona.. molto sensibile e viva. A volte muori come muoio io.

      • …a volte penso di morire ogni notte per rinascere all’Aurora…sai, mi hai detto una cosa molto vera, di cui nessuno mai si era accorto…queste son cose che sorprendono, almeno a me…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...